Albert

Solo quelli che sono così folli da pensare di cambiare il mondo, lo cambiano davvero. (Albert Einstein)

"Non sono andato via , sono lì, sento, osservo e guardo, dobbiamo cambiarlo questo Paese è ognuno di voi deve fare la propria parte." (Beppe Grillo)

Funivia del Faito, la presa in giro per i cittadini e gli imprenditori continua.




5 agosto 2017: data approssimativa annunciata da De Gregorio durante audizione regionale da me convocata sul tema della riapertura della Funivia ( se tutto fosse andato per il meglio)
26 agosto 2017: riapertura della Funivia ( a stagione estiva quasi finita) per i necessari collaudi e autorizzazioni ministeriali per la verifica della sicurezza della struttura
27 agosto 2017: sospeso servizio per usura del rullo che comprometteva la sicurezza delle corse

Sorge spontanea qualche domanda.
Com’è stato possibile rendersi conto di questo problema a riapertura fatta e non durante i lavori e i collaudi?

Questa criticità esisteva anche nel 2016 quando fu tramite proroga straordinaria riattivato temporaneamente il servizio? ( era il 4 maggio a ridosso della campagna elettorale comunale stabiese…(e vicana ndr) a voi lascio ogni riflessione)

Per garantire la piena sicurezza e funzionalità della Funivia basteranno le 48 ore massimo annunciate?

A lavoro per preparare un’interrogazione urgente a De Luca, consapevole che il rilancio del nostro Faito, visto anche il dramma degli incendi, è sempre più lontano.

       Luigi Cirillo Consigliere Regionale Movimento 5 Stelle

Una crescita lenta ma inesorabile.

Il MoVimento 5 Stelle ha vinto otto ballottaggi su dieci. Siamo passati da 37 sindaci a 45, un aumento di oltre il 20%. Siamo entrati con nuovi consiglieri in comuni dove prima non eravamo presenti. Ogni maledetta elezione continuiamo a crescere e questo è ciò che conta. Le prossime sfide sono la Sicilia e poi la battaglia campale delle politiche. Per vincere dobbiamo essere una squadra che lotta insieme per un obiettivo comune. Cittadini, attivisti, portavoce: tutti sono indispensabili se sono al servizio della squadra. Oggi come ieri dobbiamo continuare a lottare. Forza!

di Beppe Grillo (liberamente tratto dal monologo di Al Pacino in "Ogni maledetta domenica")

Un'altra estate senza funivia del Faito

Nel video seguente il nostro consigliere regionale Luigi Cirillo ci aggiorna sulla situazione della funivia del Faito e dello stato di abbandono totale della stazione di Castellammare Terme.

Vai al video

Sui disservizi postali a Vico Equense

DISSERVIZIO POSTALE A VICO EQUENSE
IL DIRITTO DI DOMANDARE E IL DOVERE DI RISPONDERE!

Il ritardo nel recapito della posta nel Comune di Vico Equense ha generato non pochi disagi a noi cittadini.

Il nostro gruppo Attivisti 5 Stelle Vico Equense ha inoltrato nelle scorse settimane, nell’interesse ed a tutela dei cittadini, al Ministero per lo Sviluppo Economico Divisione Servizi Postali, all’Ispettorato Territoriale Campania Direzione Generale per i Servizi Postali e a Poste Italiane S.p.A una segnalazione.

Poste Italiane S.p.A. ha fornito, secondo i buoni canoni che regolano i rapporti tra cittadini ed Enti, la sua spiegazione sui disservizi nel recapito della corrispondenza sul territorio di Vico Equense.

La Società postale (segue lettera), ha liquidato i denunciati disservizi definendoli un “lieve rallentamento” dovuto, in sostanza, da un lato all’arrivo di nuovi portalettere e, dall’altro, al fatto che, secondo Poste Italiane, parte del Comune di Vico Equense «è caratterizzata da numeri civici non corretti o inesistenti e da una toponomastica carente».

Tale giustificazione appare non esaustiva e, comunque, riduttiva nell’imputare i disagi arrecati alla mancanza dei numeri civici e della toponomastica (nome delle strade), ma almeno una risposta c’è stata. Domandare è un diritto del cittadino, rispondere è un dovere delle Istituzioni e degli Enti.

Un dato però che emerge da tale risposta di Poste Italiane S.p.A. è che nel Comune di Vico Equense vi sarebbe una toponomastica carente, con numeri civici non corretti o addirittura inesistenti.

Nell’interesse pubblico, chiediamo allora se tale dato, davvero sconcertante, risulti anche ai Responsabili del Comune di Vico Equense: c’è davvero nel nostro Comune una toponomastica carente con numeri civici inesistenti? E tutto questo nel 2017?

Urgono i dovuti controlli del caso o per smentire Poste Italiane o, al contrario, per porre rimedio ad una situazione che, ove confermata, sarebbe certamente da risolvere al più presto.

Attivisti 5 Stelle Vico Equense – Amici di Beppe Grillo


clicca per ingrandire


Da una nostra idea di due anni fa...

Il 16 maggio 2015 ci fu un faccia a faccia tra i 5 candidati sindaci di Ercolano.

In quella sede di villa Maiuri, oggi sede delle commissioni consiliari permanenti, alla domanda specifica sui condoni e sull'abusivismo edilizio, diedi una risposta chiara e netta.
Ricordo come se fosse oggi il mio intervento (potete vederlo nell'archivio storico di Radio Siani) e ricordo anche le reazioni.

Quella sera fui l' UNICO a paventare una soluzione...UNICO a dare le responsabilità all'abusivo ma al contempo anche all'assenza della politica nel progettare un piano omogeneo per gli alloggi e per la vivibilità della comunità.

Oggi, la Giunta Regionale, delibera la mia IDENTICA proposta...a distanza di due anni, il PD al quale non appartengo, ha deciso di prendere una posizione rispetto alla catastrofe edilizia che viviamo oggi "grazie" anche alle proprie nefandezze e mancanze.
2 anni fa circa, o' guagliunciell, o' grillin, o' populist, aveva suggerito una strada...ripeto, l'UNICO a suggerirla.

Oggi mi viene da sorridere, oggi, forse qualcuno abbasserà la cresta e forse inizierà ad ascoltare anche chi non sposa i suoi interessi ma analizza le situazioni senza paraocchi o condizionamenti, oggi, o' cincstell è nu poc meno populista...vero???

#StateSereni

di Gennaro Cozzolino, Portavoce Consigliere M5S Ercolano.


Ed ecco la notizia riportata da "il Mattino".

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/campania_giunta_approva_ddl_contro_abusivismo_edilizio-2317339.html